Petrolio, un Etf monstre distorce il mercato del Wti

Petrolio, un Etf monstre distorce il mercato del Wti

I Cta (Commodity Trading Advisors), fondi speculativi, non hanno mai raggiunto nella storia un’esposizione rialzista di queste dimensioni, neppure tutti insieme, ha commentato su Twitter Pierre Andurand, che gestisce il maggiore hedge fund focalizzato sul petrolio.

Nei giorni scorsi qualche analista aveva già messo in guardia dai rischi legati alla rapidissima crescita dello US Oil Fund, che in un mese e mezzo ha triplicato il gestito, raggiungendo 3,8 miliardi di dollari. Una somma enorme, che in gran parte è costituita da «mom-and-pop money» come direbbero gli americani: soldi di mamma e papà, risparmiatori qualunque, magari con scarsa comprensione degli strumenti fianziari, rimasti colpiti dalle ultime rocambolesche vicende sul mercato del petrolio, di cui si sono occupati persino i telegiornali.

USO è molto utilizzato anche da investitori esperti, per speculazioni di breve termine che sfruttano la volatilità. Ma negli ultimi tempi è diventato «una trappola per turisti», avvertiva a fine marzo Eric Balchunas, analista di Bloomberg Intelligence. È finito in mano a cassettisti, forse inconsapevoli delle conseguenze del contango, anzi del super-contango che si è creato a causa dell’eccesso di petrolio.

Un barile di Wti per maggio (il future scadrà il 21 aprile) oggi costa circa 7 $ meno di un barile per giugno. Passando da un contratto all’altro ci si perde: il roll yield è negativo, come si dice in gergo tecnico. «Quando compri un Etf parte il timer – spiega Balchunas –Lentamente ma sicuramente si mangerà la plusvalenza». USO stesso con le attuali operazioni contribuisce peraltro ad aumentare il contango.

In questo momento si rischiano perdite enormi per gli investitori (intorno al 30%), oltre che ulteriori distorsioni sul mercato del petrolio, che a causa del coronavirus è in condizioni estreme.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *